Immagine di un'illustrazione stilizzata raffigurante un concetto di tecnologia e connettività globale. Un server o data center con pannelli solari collegati è in primo piano, con linee e circuiti che si diffondono verso l'orizzonte dove un globo terrestre è circondato da simboli di rete e cloud. Lo schema è accompagnato da numeri binari e rappresenta l'integrazione della tecnologia nella gestione e nell'analisi dei dati a livello mondiale.

Cos’è il tracciamento lato server

Categoria: Glossario, Guide, SEO
Tempo di lettura: 8 minutes

Nell’ecosistema digitale in continua evoluzione, il tracciamento lato server si è rivelato uno strumento fondamentale per le aziende che cercano di migliorare le proprie strategie di raccolta dati nel rispetto di rigorosi standard sulla privacy. Questo sofisticato metodo, reso possibile da Google Tag Manager, sposta la localizzazione dell’elaborazione dei dati dal lato client, dove i browser interagiscono direttamente con gli script di tracciamento, al lato server, dove un contenitore server elabora i dati prima di inviarli alle piattaforme di analisi.

La sua implementazione richiede una comprensione dettagliata sia del framework tecnico che delle implicazioni strategiche che ha per la governance dei dati. Concentrandosi sul server come intermediario, le organizzazioni possono mitigare l’impatto delle limitazioni basate sul browser e migliorare la sicurezza dei dati.

Tuttavia, le sfumature del tracciamento lato server vanno oltre il suo concetto fondamentale, comprendendo una serie di configurazioni e pratiche che possono influenzare profondamente la qualità e l’integrità dei dati raccolti. Mentre analizziamo il tracciamento lato server, la conversazione si estende naturalmente alla sua potenziale capacità di ridefinire l’analisi digitale e alla previsione necessaria per navigare in questo dominio complesso ma gratificante.

Punti chiave

  • Il tracciamento lato server in Google Tag Manager fornisce pieno controllo sui dati raccolti e aiuta a superare le limitazioni imposte dal tracciamento lato client.
  • Il tracciamento lato server semplifica l’implementazione della conversione delle API, migliora l’affidabilità dei dati e riduce la dipendenza dai cookie di terze parti.
  • Il tracciamento lato server richiede conoscenze specializzate nell’architettura del server e nella gestione dei tag, e le organizzazioni dovrebbero valutare le limitazioni rispetto ai vantaggi per determinare se si allinea alle loro capacità tecniche e al budget.

Comprensione del tracciamento lato server

Il tracciamento lato server coinvolge la raccolta e la distribuzione dei dati tramite un server, che agisce come intermediario tra le interazioni dell’utente su un sito web e le varie piattaforme di analisi che elaborano queste informazioni. Questo metodo è particolarmente vantaggioso quando viene utilizzato tramite Google Tag Manager (GTM), poiché consente l’utilizzo di un contenitore GTM lato server. Questo contenitore cattura e inoltra i dati, riducendo la necessità di avere più codici di tracciamento su un sito web e semplificando il processo di raccolta dati.

Adottando il tracciamento lato server, i proprietari di siti web ottengono il pieno controllo sui dati raccolti, il che è sempre più importante in un’epoca in cui la privacy e la sicurezza dei dati sono fondamentali. Inoltre, il tracciamento lato server può aiutare a mitigare le limitazioni imposte dal tracciamento lato client, come le restrizioni del browser sui cookie impostati. Il protocollo di misurazione, che fa parte del tracciamento lato server con Google Tag Manager, serve come framework per l’invio dei dati di interazione dell’utente alle piattaforme di analisi.

Con il tracciamento lato server, si stabilisce una connessione diretta tra i server delle piattaforme di tecnologia pubblicitaria, quali Facebook e Google, e il server che ospita il sito web degli inserzionisti. Questo implica che l’uso dei browser diventa superfluo, dato che i dati vengono trasferiti direttamente dal sito web dell’inserzionista ai server delle piattaforme tecnologiche.

Come funziona il tracciamento lato server?

Il processo è essenzialmente identico a quello utilizzato con i cookie, tuttavia elimina la necessità di un intermediario. Mentre i cookie richiedono l’uso dei browser per operare, poiché sono installati al loro interno, il tracciamento effettuato direttamente dal server bypassa completamente i browser e le potenziali complicazioni ad essi associate.

Questo metodo permette il trasferimento diretto delle informazioni dal sito web dell’annunciante ai server delle piattaforme tecnologiche, raccogliendo gli stessi tipi di dati: quali pagine sono state visitate dall’utente, quali prodotti sono stati acquistati, e altro ancora.

Sebbene il tracciamento lato server offra vantaggi distinti come prestazioni migliorate e privacy dei dati, richiede un livello più elevato di competenza nella gestione dei tag e nell’architettura del server. Comporta inoltre costi aggiuntivi di hosting, che le organizzazioni devono considerare quando decidono di implementare un contenitore GTM lato server.

Benefici del tagging lato server

Abbracciare il tagging lato server attraverso Google Tag Manager può semplificare significativamente l’implementazione delle API di conversione, migliorando sia l’efficienza della configurazione che l’utilità. Questa configurazione lato server consente la raccolta di dati più affidabili attenuando i problemi causati dalle tecnologie di prevenzione del tracciamento e dall’uso sempre più diffuso degli adblocker. Di conseguenza, le aziende possono migliorare la qualità dei loro dati, garantendo che le loro analisi riflettano interazioni utente più accurate.

Il tagging lato server in Google offre pieno controllo sui dati inviati a vari strumenti di analisi e marketing. Questo controllo centralizzato aiuta a mantenere la privacy dei dati e a conformarsi alle normative in continua evoluzione. Elaborando i dati sul server, le aziende possono ridurre la dipendenza dai cookie di terze parti, il che è cruciale dato che i browser stanno procedendo all’eliminazione di essi. Questo approccio lato server è fondamentale per superare le sfide poste dalle restrizioni sul tracciamento tra siti.

Limitazioni del tagging lato server

Nonostante i numerosi vantaggi, il tagging lato server in Google Tag Manager presenta anche alcune sfide, come la necessità di conoscenze specializzate e potenziali costi aggiuntivi associati alla sua implementazione e manutenzione. Queste limitazioni devono essere attentamente prese in considerazione quando si opta per metodi di tracciamento lato server.

  • Conoscenze specializzate richieste: L’implementazione del tagging lato server richiede una curva di apprendimento ripida, in quanto richiede una profonda comprensione dell’architettura del server e della gestione dei tag.
  • Costi infrastrutturali: La necessità di un sottodominio personalizzato e la gestione dei record DNS possono comportare spese aggiuntive. Inoltre, il numero di istanze e l’infrastruttura di servizio selezionata possono influire sui costi.
  • Preoccupazioni sulla privacy: Durante la gestione delle informazioni personali identificabili (PII), il tagging lato server deve essere conforme alle rigorose normative sulla protezione dei dati, che possono essere complesse e richiedere attenzione ai dettagli.
  • Supporto limitato: Poiché il tracciamento lato server è relativamente nuovo, potrebbe essere presente un livello minimo di supporto consigliato per il tracciamento lato server e non tutti i servizi di terze parti potrebbero supportare appieno questa funzionalità.

Le organizzazioni devono valutare queste limitazioni rispetto ai vantaggi per determinare se il tracciamento lato server sia in linea con le loro capacità tecniche, il budget e i requisiti di elaborazione dei dati.

Un'immagine fotorealistica di una persona che lavora alla gestione dei server in un moderno data center. La persona indossa abiti professionali adatti all'ambiente d'ufficio ed è concentrata sulla configurazione o sulla manutenzione delle apparecchiature del server. L'immagine presenta rack di server con cavi e luci a LED, e l'ambiente suggerisce uno spazio di lavoro high-tech con un'illuminazione adeguata.

Gestione della configurazione e dei dati

Comprendere gli aspetti di configurazione e gestione dei dati del tracciamento lato server è fondamentale per sfruttare appieno il suo potenziale all’interno di Google Tag Manager.

Il processo inizia con l’installazione di un contenitore lato server, che funge da centro nevralgico per l’elaborazione e la distribuzione dei dati. Questa configurazione del contenitore è fondamentale per gestire come i dati vengono raccolti e successivamente inviati a varie piattaforme di analisi e marketing.

Nel tracciamento lato server, gli ID di tracciamento svolgono un ruolo fondamentale. Sono utilizzati per identificare flussi di dati diversi e garantire che le informazioni corrette vengano condivise con i servizi appropriati. Ad esempio, un ID di tracciamento univoco differenzierà i dati inviati a una piattaforma pubblicitaria da quelli inviati a un servizio di analisi. Questa separazione è importante per mantenere l’integrità dei dati raccolti.

Inoltre, la configurazione e la gestione dei dati del tracciamento lato server consentono un controllo preciso sulle richieste inviate dal server. Configurando il contenitore lato server, le aziende possono stabilire quali dati vengono inviati, a chi e in che formato. Questo livello di controllo consente alle aziende di inviare dati che non sono solo accurati e pertinenti, ma che rispettano anche le normative sulla privacy.

In definitiva, il successo del tracciamento lato server dipende dalla meticolosa configurazione del contenitore e dalla gestione attenta dei dati raccolti.

Potrebbe interessarti anche:

Tecniche avanzate lato server

Sfruttando la base della configurazione e della gestione dei dati, le tecniche avanzate lato server in Google Tag Manager consentono di adottare un approccio più sofisticato ed efficiente nella gestione dei dati. Utilizzando queste tecniche, le aziende possono sfruttare un contenitore lato server per intercettare ed elaborare i dati prima che vengano inviati ad analisi, piattaforme pubblicitarie o altri sistemi di raccolta dati.

Il tagging avanzato lato server funziona prelevando i dati dal server e applicando regole di elaborazione complesse. Ciò consente un livello maggiore di dettaglio e personalizzazione nell’elaborazione dei dati e nell’invio a Google Analytics o ad altri endpoint. Il server può anche inviare i dati direttamente a Google o ad altre piattaforme, evitando la necessità di richieste aggiuntive lato client.

Ecco alcune tecniche avanzate che possono essere implementate:

  • Elaborazione personalizzata dei dati: Applicare una logica aziendale unica per elaborare e arricchire i dati di analisi prima di inviarli a Google Analytics.
  • Tracciamento avanzato dell’e-commerce: Catturare e inviare dati dettagliati sull’e-commerce direttamente dal server per fornire insight più accurati.
  • Arricchimento del layer di dati: Utilizzare script lato server per arricchire il layer di dati con informazioni aggiuntive dai sistemi backend.
  • Integrazione con Conversion API: Inviare dati di conversione dal server a piattaforme come Facebook o Google per migliorare l’attribuzione e la misurazione.

Conclusione

In conclusione, il tracciamento lato server in Google Tag Manager rappresenta un significativo progresso nell’analisi web. Offre una maggiore sicurezza dei dati, precisione ed esperienza utente. Nonostante le sue complessità e alcune limitazioni, l’implementazione di questo metodo fornisce alle aziende uno strumento robusto per tracciare gli utenti nonostante le normative sulla privacy e le restrizioni dei browser.

La padronanza del tracciamento lato server è quindi essenziale per le organizzazioni che mirano ad ottimizzare le proprie strategie di raccolta dati, mantenendo la conformità e rispettando la privacy degli utenti.

Risposte a domande frequenti

  • Come funziona GTM lato server?

    Icona freccia verso il basso, colore verde

    GTM lato server funziona elaborando i dati su un server, che comunica poi con servizi di terze parti, migliorando la sicurezza dei dati, riducendo il carico del browser e potenzialmente migliorando l’accuratezza del tracciamento in determinate condizioni.

  • Come funziona il tracciamento lato server?

    Icona freccia verso il basso, colore verde

    Il tracciamento lato server consiste nella cattura delle interazioni degli utenti su un server web anziché sul lato client, consentendo una gestione dei dati più sicura e robusta con una ridotta dipendenza dai metodi di tracciamento basati sul browser.

  • Cos'è Google Tag Manager?

    Icona freccia verso il basso, colore verde

    Google Tag Manager è un sistema di gestione dei tag che consente agli utenti di aggiornare facilmente i tag e i frammenti di codice sul proprio sito web o sull’app mobile, semplificando la distribuzione e la gestione dei tag di marketing e analitici.

Leggi anche...